WEST 136TH STREET, HARLEM,
New York, USA

Tipologia Concorso Nuova Costruzione // Location New York, USA // Committente HPD, AIA New York // Dimensioni Variabile mq // Project Alberto Lessan, Jacopo Bracco, Cristina Cimarusti // Project Team Davide Minervini, Emanuele Sciuva
Il progetto presentato è una risposta analitica al concorso proposto dal New York City Department of Housing and Preservation (HPD) e dall'American Institute of Architects (AIA New York). La città di New York sta affrontando oggi una crisi abitativa. La popolazione è in crescita e si prevede di raggiungere i 9 milioni di persone entro il 2030. La città è in costante costruzione, con circa 25.000 nuove unità costruite ogni anno, trasformando la skyline con gru, ponteggi e capannoni.
. La crescente domanda di immobili a New York ha suscitato una forte attenzione da parte di investitori americani e stranieri che hanno fatto crescere costantemente i prezzi in tutti e 5 i quartieri della città. Le aree che erano accessibili e raggiungibili da tutte le classi di persone hanno subito una progressiva gentrificazione e le persone meno fortunate hanno dovuto spostarsi in aree diverse e più lontane. Il sito progettuale utilizzato è ad Harlem, un quartiere speciale di New York che è oggi uno dei quartieri più gentrificati della città. Si tratta di un piccolo lotto situato nella 113Th West Street, vicino al Malcom X Boulevard, la cui lunghezza è 100 piedi e la larghezza è 17 piedi. Si trova nel “Zoning District” R7.2. Ha la caratteristica di affacciarsi su una strada con la maggior parte degli edifici della stessa altezza (47ft c.a.).
Nel progetto valutiamo la fattibilità e applichiamo il progetto ad altri due siti proposti: il primo è a Brooklyn, in St.Mark's Avenue e East New York Avenue, che è caratterizzato da una forma irregolare e all'angolo delle due strade. Ha anche due edifici bassi adiacenti (uno è una chiesa) che scoraggiano da un edificio più alto di loro. Il terzo sito che abbiamo usato come caso studio è nel Bronx. Si trova nella 405 East Avenue 161st Street ed ha la particolarità di avere una bella esposizione aperta che permette di avere balconi e terrazze verso la strada. Questa volta abbiamo optato per la possibilità di superare in altezza gli edifici adiacenti. Nel progetto che presentiamo per questo concorso promuoviamo l'eccellenza del Design a prezzi accessibili. La buona qualità dell'abitare e del benessere è stata una nostra prerogativa e elemento di studio.
L'intenzione principale del progetto è la sua REPLICABILITÀ. Pensare a case a prezzi accessibili significa prendersi cura degli spazi e ottimizzare le risorse. Case che possono essere replicate in modo diverso, è, dal nostro punto di vista, il modo migliore per interpretare le direttive del concorso. E' stato studiato un progetto architettonico di alta qualità che può variare in molteplici modi e creare nel tempo facciate e volumi diversi, il progetto è composto da APPARTAMENTI RESIDENZIALI in CELLULE INDIPENDENTI che vengono assemblate l'una sull'altra. Viene inserito nel sito di progettazione un edificio con CINQUE PIANI E 4 DIVERSE TIPOLOGIE DI UNITA’ ABITATIVE. L'edificio si sviluppa con un piano interrato, contenente gli impianti, la lavanderia e il magazzino, il piano terra con l'ingresso, accessibile secondo il Codice ADA. Ai piani superiori si trovano i 4 Appartamenti abbinati:
UN SIMPLEX a al primo piano (F2)
DUE DUPLEX al secondo piano (F3)
UN SIMPLEX e UN DUPLEX+ al terzo piano (F4)
e un SIMPLEX al quarto piano (F5)

Gli appartamenti sono stati progettati per essere delle cellule eccezionali che possono essere combinate mantenendo la loro autonomia. I balconi possono essere aggiunti a seconda delle caratteristiche dei lotti in cui è programmato il progetto. In questo modo la facciata dell'edificio può variare molto l'una dall'altra. Vi è la possibilità, infatti, di scegliere se il balcone è desiderato o meno. Anche il ROOFTOP è un elemento autonomo ed è come un vassoio che si posa sopra l'ultima UNITA’ ABITATIVA. Tutto l'edificio è PREFABBRICATO, escluso il seminterrato che ha la struttura in calcestruzzo. L'edificio è composto da un volume distributivo che comprende le scale e l'ascensore. Tale volume è indipendente e raggiunge anche il tetto permettendo agli abitanti di condividere quello spazio prezioso, diversi appartamenti sono di diversa tipologia e superficie per dare la massima possibilità di scelta.
Le scelte tecnologiche e costruttive sono orientate verso un'architettura modulare che da molti punti di vista può essere considerata il futuro. LE CELLE MODULARI SONO INDIPENDENTI L'UNA DALL'ALTRA. La riduzione dei tempi di esecuzione, la riduzione dell'impatto ambientale nella produzione e installazione di MODULI PREFABRICATI permettono un successo assicurato in una città come New York. L'architettura modulare può garantire la stessa qualità, comfort e benessere dei metodi costruttivi tradizionali senza inutili sofisticazioni e abbellimenti. Le caratteristiche principali del nostro progetto sono:

1) Produzione e installazione veloce
La produzione in catena e in ambiente controllato che permette di ridurre notevolmente i tempi dedicati alla costruzione e al suo montaggio.
2) Personalizzazione del progetto

L'architettura modulare si adatta perfettamente alle tendenze contemporanee e permette infinite combinazioni e possibilità di personalizzazione. Le diverse opzioni di facciata rendono la struttura unica nel suo genere.
3) Flessibilità e adattabilità

I sistemi modulari hanno un elevato grado di versatilità, grazie alle loro caratteristiche è possibile collegare tra loro i moduli per ingrandirli, a seconda delle esigenze di spazio e della superficie utile disponibile.
4) Ottimizzazione dei costi

I moduli prefabbricati possono anche essere trasferiti e riutilizzati, il che consente di ammortizzare l'investimento iniziale e di ottimizzare le risorse.
5) Sostenibilità.

Le costruzioni modulari garantiscono il rispetto dell'ambiente attraverso la scelta dei materiali e delle tecniche costruttive e la costruzione a basso impatto ambientale. La produzione in ambienti controllati riduce il volume dei rifiuti, le emissioni di polveri e l'inquinamento acustico.
6) Resistenza

I moduli prefabbricati, nonostante la loro adattabilità, sono appositamente progettati per resistere agli effetti dell'uso e del clima in modo molto diverso in tutte le stagioni di New York. La struttura principale dei moduli ipotizzati è in legno a cui è accoppiato come rivestimento VIROC (calcestruzzo + legno), un materiale estremamente flessibile le cui caratteristiche principali sono: atossicità, isolamento acustico, elevata resistenza ai carichi, ignifugo, idrorepellente, isolamento termico e resistente agli insetti. Ogni modulo funziona insieme agli altri come un unico corpo che è pensato in modo da avere un consumo energetico positivo per la città di New York: grazie ai sistemi di produzione di energia pulita, al riutilizzo dell'acqua piovana per gli scarichi, al raffreddamento/riscaldamento abbinato all'energia geotermica e all'elevato isolamento termico delle pareti, l'intero edificio avrà un consumo pari a 0.